Matteo Borzaga

Professore associato

Facoltà di Giurisprudenza

Professore associato: Scuola di Studi Internazionali - SSI

Via Verdi, 53 - 38122 Trento
tel. 0461 283873
matteo.borzaga[at]unitn [dot] it
Formazione

Nel luglio del 1993 si diploma con il punteggio di 56/60 presso il Liceo Ginnasio “Giovanni Prati” di Trento.

 

Nell’autunno del 1993 si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento.

 

Nel 1996 vince una borsa di studio Erasmus e trascorre un semestre presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trier (Germania), avendo in tal modo occasione di conoscere più da vicino il sistema giuridico tedesco.

 

Il 25 marzo 1998 si laurea in giurisprudenza, indirizzo transnazionale, presso l’Università degli Studi di Trento, in corso, con il punteggio di 110/110 e la lode, discutendo (relatore il prof. Carlo Zoli) una tesi di diritto del lavoro comparato sul tema: “Le esperienze di concertazione sociale in Italia e nella Repubblica federale tedesca”.

Carriera accademica ed attività didattica

Carriera accademica ed incarichi istituzionali

Nel febbraio del 1999 supera, con il punteggio di 115/120, il concorso di ammissione al Dottorato di ricerca in diritto comunitario e comparato del lavoro presso l’Università degli Studi di Ferrara e comincia ad occuparsi del tema “L’emergere di nuove forme di lavoro tra autonomia e subordinazione. Gli ordinamenti italiano e tedesco a confronto”, che sarà oggetto della tesi di dottorato.

 

Nello stesso periodo comincia a collaborare con le cattedre di Diritto del lavoro e di Diritto comparato del lavoro della Facoltà giuridica dell’Università degli Studi di Trento, integrandone le commissioni d’esame in qualità di cultore della materia.

 

A partire dal 1999 svolge attività di esercitatore nell’ambito dei corsi di Diritto del lavoro, Diritto sindacale e Diritto comparato del lavoro.

 

Inizia altresì a collaborare con le seguenti riviste: Rivista Italiana di Diritto del Lavoro, Le Nuove Leggi Civili Commentate, Diritto delle Relazioni Industriali, Impresa Sociale, Argomenti di Diritto del Lavoro, Giurisprudenza di Merito, Questione Lavoro, Lavoro e Diritto, Labor.

 

Nell’autunno 2000 trascorre un periodo di studio di due mesi nell’Università di Brema (Germania), sotto la guida del Prof. Wolfgang Däubler, al fine di consolidare le proprie conoscenze sull’ordinamento giuslavoristico tedesco e di raccogliere materiale bibliografico per l’elaborazione della tesi di dottorato.

 

Il 12 marzo 2002 discute la propria tesi di dottorato innanzi ad una commissione presieduta dal Prof. Marcello Pedrazzoli e viene proclamato dottore di ricerca in diritto comunitario e comparato del lavoro con il giudizio di ottimo.

 

Il 30 luglio 2002 risulta vincitore del concorso, bandito dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università degli Studi di Trento, per un assegno di ricerca in diritto del lavoro della durata di due anni.

 

A partire da questo momento collabora alla realizzazione del Progetto Comunitario Equal “SAVE. Sostegno allo svantaggio del lavoro atipico, valorizzazione, emancipazione”, coordinato dalla Camera di Commercio di Trento e di cui, per il Dipartimento di Scienze Giuridiche, è responsabile il Prof. Luca Nogler.

 

Da luglio 2002 entra a far parte di un gruppo di ricerca, coordinato dal Prof. Roberto Caso ed incaricato, per conto dell’Istituto Trentino di Cultura (oggi Fondazione Bruno Kessler), di elaborare uno studio sul tema “Ricerca scientifica pubblica, trasferimento tecnologico e proprietà intellettuale”.

 

Nell’autunno 2003 riceve, da parte dell’Istituto Trentino di Cultura (oggi Fondazione Bruno Kessler), l’incarico di coordinare un’attività di ricerca, in chiave comparata, al fine di individuare una forma di contratto di lavoro applicabile al sistema trentino della ricerca pubblica, in grado di offrire ai ricercatori opportunità di carriera e di mobilità interna e transnazionale.

 

Da marzo ad agosto 2004 svolge un periodo di studio e di ricerca presso il Max Planck Institut für Sozialrecht und Sozialpolitik di Monaco di Baviera (Germania), al fine di approfondire l’esperienza tedesca in tema di “rapporti di lavoro autonomo e dipendenza economica”.

 

Il 3 e 4 dicembre 2004 partecipa ad una procedura di valutazione comparativa per la copertura di un posto di ricercatore in diritto del lavoro (IUS/07) presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, di cui risulta vincitore. Prende servizio, presso la medesima Facoltà, a partire dal 20 gennaio 2005. Da questa stessa data afferisce, altresì, alla struttura interfacoltà dell’Università degli Studi di Trento denominata “Scuola di Studi Internazionali”.

 

Nell’aprile del 2007 presenta al Max Planck Institut für Sozialrecht und Sozialpolitik di Monaco di Baviera (Germania) un progetto di ricerca dal titolo “Collaboratori continuativi e coordinati, lavoratori a progetto, Scheinselbständige und arbeitnehmerähnliche Personen im Italienischen und Deutschen Sozialrecht”, che l’Istituto decide di accogliere e di finanziare con una borsa di studio. Di conseguenza, nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2007 si reca presso il suddetto Istituto per lavorare al tema di ricerca proposto.

 

Durante il periodo di studio trascorso presso il Max Planck Institut für Sozialrecht und Sozialpolitik di Monaco di Baviera viene incaricato dal direttore del medesimo Istituto, Prof. Ulrich Becker, di collaborare, per l’Italia, al progetto “General Principles of Social Security Law in Europe”.

 

Il 16 luglio 2008 viene confermato, con decorrenza 20 gennaio 2008, nel ruolo dei ricercatori universitari di diritto del lavoro (IUS/07).

 

Dal 1° aprile al 31 agosto 2008 viene nuovamente invitato presso il Max Planck Institut für Sozialrecht und Sozialpolitik di Monaco di Baviera, al fine di proseguire nello svolgimento del progetto di ricerca presentato al medesimo istituto nella primavera del 2007 e per occuparsi altresì del tema “sistemi di sicurezza sociale e dati genetici”.

 

Nel giugno 2009 partecipa, in qualità di legal advisor della Dott.ssa Mariangela Zappia, Primo Consigliere della Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, alla novantottesima sessione della Conferenza Internazionale del Lavoro dell’OIL.

 

Nel novembre 2009 prende parte, in qualità di legal advisor della Dott.ssa Mariangela Zappia, Primo Consigliere della Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, alla trecentoseiesima sessione del Consiglio di Amministrazione dell’OIL.

 

Nel dicembre del 2009 presenta al Max Planck Institut für Sozialrecht und Sozialpolitik di Monaco di Baviera (Germania) un progetto di ricerca di diritto internazionale del lavoro dal titolo “Neue Perspektiven der Implementierung der arbeits- und sozialrechtlichen IAO-Standards in den Mitgliedstaaten mit besonderer Berücksichtigung der Entwicklungsländer (Nuovi orizzonti dell’implementazione degli standard OIL negli ordinamenti nazionali, con particolare riferimento a quelli dei Paesi in via di sviluppo)”. Il progetto viene valutato positivamente dall’Istituto, che decide altresì di finanziarlo con una borsa di studio della durata di quattro mesi. Pertanto, nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre 2010 si trasferisce presso il suddetto Istituto per lavorare al tema di ricerca proposto.

 

Dal gennaio del 2010 è membro del Collegio Docenti e (fino al novembre 2012) coordinatore per l’area giuridica del Dottorato in Studi Internazionali (PhD in International Studies) dell’Università degli Studi di Trento.

 

Nell’ottobre 2010 presenta all’UC Hastings College of the Law dell’Università della California (San Francisco, USA), un progetto di ricerca in materia di diritto internazionale del lavoro, che viene accettato dalla suddetta Università: ciò gli consente di svolgere, presso la medesima, un periodo di studio in qualità di visiting scholar (gennaio-marzo 2011).

 

Dal gennaio al novembre 2012 è stato membro della Giunta Esecutiva del Dottorato in Studi Internazionali (PhD in International Studies) dell’Università degli Studi di Trento.

 

A seguito della ristrutturazione dell’Università degli Studi di Trento avvenuta nel corso del 2012 afferisce contestualmente (c.d. doppia afferenza), a partire dal novembre del medesimo anno, alla struttura dipartimentale “Facoltà di Giurisprudenza” ed al centro di tipo b) “Scuola di Studi Internazionali”.

 

Nel novembre 2012 viene nominato dalla Direttrice della Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, Prof.ssa Luisa Antoniolli, responsabile della Scuola stessa per l’orientamento ed i rapporti con gli Alumni (incarichi che manterrà fino al dicembre 2016).

 

Nel giugno 2013 risulta vincitore della borsa di studio “guest scientist” bandita dall’Università di Innsbruck (Austria) per rafforzare le relazioni didattico-scientifiche con gli Atenei italiani.

 

Pertanto, nei mesi di ottobre e novembre 2013 svolge un periodo di studio, ricerca e didattica presso l’Institut für Arbeits- und Sozialrecht, Wohn- und Immobilienrecht und Rechtsinformatik della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Innsbruck (Austria).

 

Nel novembre 2013 risulta vincitore di un finanziamento del DAAD (Deutscher Akademischer Austausch Dienst) che gli consentirà di trascorrere, nel corso del secondo semestre dell’anno accademico 2013/2014, un periodo di studio, ricerca e didattica presso l’Università di Halle-Wittenberg (Germania) in qualità di professore ospite (Gastprofessor).

 

Nel dicembre 2013 il Consiglio della Scuola di Studi Internazionali lo elegge vicecoordinatore della Laurea Magistrale in Studi Europei e Internazionali (Masters’ Degree in European and International Studies) (scadenza mandato: settembre 2016).

 

L’11 febbraio 2014 la competente commissione giudicatrice gli attribuisce, all’unanimità, l’Abilitazione Scientifica Nazionale a professore associato (seconda fascia) di diritto del lavoro (settore concorsuale 12/B2).

 

Nel febbraio 2014 la Prof.ssa Luisa Antoniolli ed il Prof. Giuseppe Nesi lo nominano delegato per i rapporti con le altre Università dell’Euregio, rispettivamente, per la Scuola di Studi Internazionali e per la Facoltà di Giurisprudenza.

 

Dal maggio ad agosto 2014 trascorre un periodo di studio, ricerca a didattica presso l’Università di Halle-Wittenberg in qualità di DAAD-Gastprofessor.

 

Nel corso dei mesi di giugno e luglio 2014 il Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza (18 giugno) ed il Consiglio della Scuola di Studi Internazionali (17 luglio) dell’Università degli Studi di Trento procedono alla sua chiamata come professore associato di diritto del lavoro (settore scientifico-disciplinare IUS/07, settore concorsuale 12/B2), con presa di servizio a partire dal 1° ottobre 2014.

 

Il 7 luglio 2014 viene nominato, dal Direttore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Trento, vicepresidente del Corso di Laurea Magistrale in Metodologia, Organizzazione e Valutazione del Servizio Sociale (MOVASS) (scadenza del mandato: 30 settembre 2015).

 

Il 19 luglio 2014 svolge, presso la juristische und wirtschaftswissenschaftliche Fakultät dell’Università Martin Lutero di Halle-Wittenberg (Germania) le funzioni di Zweitgutachter e di componente della commissione giudicatrice dell’esame di dottorato di Markus Christian Becker (titolo della tesi di dottorato: Vom Gleichheitssatz zum arbeitsrechtlichen Diskriminierungsverbot: Eine rechtsvergleichende Betrachtung der europäischen, italienischen und deutschen Rechtsentwicklung unter besonderer Berücksichtigung älterer Arbeitnehmer in befristeten Arbeitsverhältnissen).

.

Il 1° ottobre 2014 prende servizio come professore associato di diritto del lavoro (settore scientifico-disciplinare IUS/07, settore concorsuale 12/B2) presso la Facoltà di Giurisprudenza e la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento.

 

Il 9 febbraio 2015, partecipa, presso la juristische Fakultät della Technische Universität Dresden (Germania), in qualità di Zweitgutachter e di componente della relativa commissione giudicatrice, alla discussione della tesi di dottorato di Stefan Kreuzer, dal titolo: Die Abfindung bei Verlust des Arbeitsplatzes aus betrieblichen Gründen – Ein deutsch-italienischer Rechts- und Rechtskulturvergleich –.

 

Nel giugno 2015 il GECT Euregio Tirolo - Alto Adige - Trentino lo nomina personaggio del mese (“Matteo Borzaga - il professore universitario euroregionale”: http://www.europaregion.info/it/matteo-borzaga.asp).

 

Nel luglio 2015, su proposta della Prof.ssa Ursula Stein, entra a far parte del consiglio direttivo del DIRE, Deutsch-Italienisches Institut für Rechtskultrvergleich in Europa (Istituto italo-tedesco per la comparazione della cultura giuridica in Europa), della Technische Universität Dresden (Germania) (incarico dal quale si dimette nell’agosto 2016).

 

Nel febbraio 2016 risulta vincitore di una “senior fellowship” presso la Technische Universität Dresden (Germania) nell’ambito della c.d. “Exzellenzinitiative”, attraverso la quale il Governo Federale Tedesco finanzia le migliori Università del Paese, anche al fine di favorirne una sempre più spiccata internazionalizzazione.

 

Da maggio a luglio 2016 trascorre un soggiorno di ricerca presso la Technische Universität Dresden (Germania) in qualità di “senior fellow”.

 

Il 18 luglio 2016 il Consiglio della Scuola di Studi Internazionali lo elegge, all’unanimità, coordinatore della Laurea Magistrale in Studi Europei e Internazionali (Masters’ Degree in European and International Studies).

 

Nel luglio 2016 risulta vincitore di una LFUI guest professorship, che gli consentirà di trascorrere, nei mesi di maggio e giugno 2017, un periodo di ricerca e didattica in qualità di professore ospite presso l’Institut für Arbeits- und Sozialrecht und Rechtsinformatik e l’Institut für Italienisches Recht della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Innsbruck (Austria).

 

Nel marzo 2018 viene nominato dal Prof. Andrea Fracasso delegato alla didattica e alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro della Scuola di Studi Internazionali dell’Università di Trento.

 

Il 27 luglio 2018 la competente commissione giudicatrice gli attribuisce, a maggioranza dei quattro quinti, l’Abilitazione Scientifica Nazionale a professore ordinario (prima fascia) di diritto del lavoro (settore concorsuale 12/B2).

 

Attività didattica in lingua italiana

Nell’anno accademico 2004/2005 è stato titolare, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, del corso di Diritto del Lavoro organizzato nell’ambito dell’Accordo tra la medesima Facoltà e l’Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento e specificatamente rivolto ai Consulenti del Lavoro iscritti alla Laurea Triennale in Scienze Giuridiche (5 CFU).

 

Dall’anno accademico 2004/2005 all’anno accademico 2008/2009 è stato titolare, presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, del corso di Diritto Internazionale del Lavoro (Laurea Magistrale in Studi Internazionali - 6 CFU).

 

Nell’anno accademico 2005/2006 è stato contitolare (con il Prof. Carlo Zoli), presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, del corso di Diritto del Lavoro (Laurea Specialistica in Giurisprudenza - 6 CFU).

 

Dall’anno accademico 2006/2007 all’anno accademico 2009/2010 è stato titolare, presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Trento, del corso di Diritto del Lavoro nell’ambito della Laurea Magistrale in Lavoro, Organizzazione e Sistemi Informativi (LOSI - 8 CFU).

 

Negli anni accademici 2009/2010 e 2010/2011 è stato titolare, per affidamento, del corso di Diritto del Lavoro presso la Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano - Sede staccata di Brunico (5 CFU).

 

Dall’anno accademico 2010/2011 è titolare, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, del corso Globalizzazione e Diritto del Lavoro (6 CFU).

 

Nell’anno accademico 2010/2011 è stato titolare, per affidamento, del corso di Diritto del Lavoro A presso la Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano - Sede centrale di Bolzano (5 CFU).

 

Negli anni accademici 2011/2012 e 2012/2013 è stato titolare, per affidamento, del corso di Nozioni Giuridiche Fondamentali presso la Facoltà di Scienze e Tecnologie della Libera Università di Bolzano (8 CFU).

 

Nell’anno accademico 2011/2012 è stato titolare, per affidamento, del corso di Diritto Amministrativo dei Servizi Sociali - Legislazione del Terzo Settore presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano (5 CFU).

 

Dall’anno accademico 2013/2014 è contitolare, presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Trento, del corso di Diritto Amministrativo dei Servizi Sociali nell’ambito della Laurea Magistrale in Metodologia, Organizzazione e Valutazione dei Servizi Sociali (MOVASS - 14 CFU).

 

Dall’anno accademico 2013/2014 all’anno 2014/2015 è stato titolare, per affidamento, del corso di Istituzioni di Diritto Pubblico nell’Unione Europea presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano (6 CFU).

 

Dall’anno accademico 2013/2014 è titolare, per affidamento, del corso di Diritto del Lavoro delle Pubbliche Amministrazioni presso la Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano - Sede centrale di Bolzano (4 CFU).

 

Dall’anno accademico 2013/2014 è titolare, per affidamento, del corso di Diritto Amministrativo dei Servizi Sociali - Legislazione del Terzo Settore, presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano (5 CFU).

 

Nel secondo semestre dell’anno accademico 2013/2014 è stato titolare, presso la juristische und wirtschaftswissenschaftliche Fakultät dell’Università Martin Lutero di Halle-Wittenberg (Germania) del corso di Introduzione allo studio del diritto italiano (4 CFU).

 

Dall’anno accademico 2014/2015 è titolare, presso la Facoltà di Economia dell’Università di Innsbruck, del modulo di Diritto del Lavoro (italiano) nell’ambito del corso Italienisches Recht und Wirtschaft I (tenuto congiuntamente alla Prof.ssa Esther Happacher).

 

Nell’anno accademico 2014/2015 è stato titolare del seminario di Diritto europeo e comparato del lavoro (con particolare riferimento agli ordinamenti italiano, austriaco e tedesco) presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Innsbruck (Austria) (4 CFU).

 

Dall’anno accademico 2015/2016 è titolare, per affidamento, del corso di Diritto del Lavoro presso la Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano - Sede centrale di Bolzano (5 CFU).

 

Dall’anno accademico 2015/2016 è titolare, per affidamento, del corso di Istituzioni di Diritto Pubblico e Diritto dei Media presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano (6 CFU).

 

Attività didattica in lingua inglese

Dall’anno accademico 2005/2006 è titolare del modulo di Introduction to Italian Labour Law nell’ambito del corso di Introduction to Italian Law, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento per gli studenti Erasmus.

 

Dall’anno accademico 2009/2010 all’anno accademico 2011/2012 è stato titolare, presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, del modulo di International Labour Law (5 CFU) nell’ambito del corso Protection and Promotion of Human Rights (advanced course) (Laurea Magistrale in Studi Internazionali).

 

Dall’anno accademico 2012/2013 all’anno accademico 2015/2015 è stato titolare, presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, del corso di European and International Labour Law (6 CFU).

 

Nel secondo semestre dell’anno accademico 2014/2015 è stato titolare, presso la juristische und wirtschaftswissenschaftliche Fakultät dell’Università Martin Lutero di Halle-Wittenberg (Germania), del corso di International Labour Law (4 CFU).

 

Dall’anno accademico 2014/2015 all’anno accademico 2016/2017 è stato cotitolare, presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, del corso The European crisis: interdisciplinary perspectives (6 CFU).

 

Dall’anno accademico 2015/2016 è titolare, presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, del corso di Labour rights in the global economy (6 CFU).

 

Dall’anno 2017/2018 è cotitolare, presso la Scuola di Studi Internazionali, del corso Global Migration and Security (6 CFU).

 

Attività didattica in lingua tedesca

Dall’anno accademico 2013/2014 all’anno accademico 2016/2017 è stato titolare del corso Europäisches und Internationales Arbeits- und Sozialrecht dargestellt anhand italienischer Fälle presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Innsbruck (Austria) (4 CFU).

 

Nell’anno accademico 2013/2014 è stato cotitolare, insieme al Prof. Gert-Peter Reissner, del seminario Arbeitsrecht in Italien, Österreich, Deutschland und anderen Mitgliedstaaten der EU im Rechtsvergleich (Diplomanden- und Dissertandenseminar) presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Innsbruck (Austria) (4 CFU).

 

Nel secondo semestre dell’anno accademico 2013/2014 è stato cotitolare, insieme al Prof. Armin Hoeland, del seminario Europäisches Arbeits- und Sozialrecht presso la juristische und wirtschaftswissenschaftliche Fakultät dell’Università Martin Lutero di Halle-Wittenberg (Germania) (2 CFU).

 

Nel secondo semestre dell’anno accademico 2013/2014 è stato cotitolare, insieme al Prof. Armin Hoeland, del Doktorandenkolloquium Arbeits- und Sozialrecht presso la juristische und wirtschaftswissenschaftliche Fakultät dell’Università Martin Lutero di Halle-Wittenberg (Germania) (2 CFU).

 

Nell’anno accademico 2016/2017 è stato titolare del seminario Arbeitsrecht in Italien, Österreich, Deutschland und anderen Mitgliedstaaten der EU im Rechtsvergleich (Diplomanden- und Dissertandenseminar) presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Innsbruck (Austria) (4 CFU).

 

 

Dal 2005 ad oggi è stato relatore di oltre 150 tesi di laurea (in lingua italiana, inglese e tedesca), discusse sia presso la Facoltà di Giurisprudenza e la Scuola di Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Trento, sia presso la Libera Università di Bolzano e la Leopold-Franzens-Universität di Innsbruck (Austria).

Interessi di ricerca

Diritto del Lavoro.

Diritto Comparato del Lavoro (con particolare riferimento all’ordinamento tedesco).

Diritto Internazionale del Lavoro (con particolare riferimento ai c.d. core labour standards ed alla loro implementazione negli ordinamenti nazionali).

Diritto della Sicurezza Sociale.

Diritto delle Migrazioni Internazionali.

 

Attività di ricerca

Partecipazione a progetti di ricerca

2014-ad oggi: congiuntamente al Prof. Riccardo Salomone (Università di Trento) e sotto la direzione del centro di ricerca Euricse di Trento: Nuove sfide della cooperazione di produzione e lavoro (progetto finanziato da Confcooperative).

Nell’ambito di tale progetto il sottoscritto sta svolgendo un approfondimento a tutto campo sull’efficienza ed efficacia della l. n. 142 del 2001 (relativa alla posizione giuridica del socio lavoratore di cooperativa) ad un quindicennio circa dalla sua approvazione. Tale analisi si incentra in particolare sui problemi applicativi cui la suddetta legge ha dato adito e sulla (in)capacità della giurisprudenza di darvi soluzione.

 

2013-2014: congiuntamente al Prof. Riccardo Salomone (Università di Trento) e con il coordinamento della Fondazione Marco Biagi di Modena: Going up the high road. Rethinking the role of social dialogue to link welfare and competitiveness (progetto finanziato dall’Unione Europea).

Nel quadro di tale progetto il sottoscritto ha svolto attività di ricerca relativamente alle pratiche di welfare aziendale messe in campo da alcune imprese italiane e straniere, approfondendo i contenuti di alcuni accordi collettivi che hanno previsto e regolamentato  tali pratiche.

 

2009-2011: sotto la direzione del Prof. Giorgio Bolego (Università di Trento): Strumenti legislativi di inserimento lavorativo e ruolo delle imprese sociali (Progetto finanziato dalla Federazione Trentina delle Cooperative).

Nell’ambito di tale progetto il sottoscritto, oltre a svolgere compiti di coordinamento, si è occupato della ricerca relativa alle innovazioni legislative concernenti il tema oggetto del progetto stesso, concentrandosi in particolare sui modelli convenzionali elaborati dal legislatore al fine di mettere in contatto i sistemi c.d. vincolistico e promozionale di inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati ed approfondendo il ruolo accordato, in questo quadro, alle imprese sociali.

 

2008-2012: sotto la direzione del Prof. Carlo Casonato (Università di Trento): The impact of Biotechnological Innovations on Fundamental Rights: An Interdisciplinary and Comparative Survey (Progetto FIRB finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica).

Nel quadro di tale progetto, di natura interdisciplinare, il sottoscritto è stato incaricato di occuparsi della rilevanza dei dati genetici nel diritto del lavoro, specie sul versante comparato ed internazionale. Ne è scaturita la pubblicazione “La disciplina dei dati genetici nelle fonti giuslavoristiche sovranazionali: una questione di diritto antidiscriminatorio?” (in C. Casonato, L. Busatta, S. Penasa, C. Piciocchi, M. Tomasi (a cura di), Il biodiritto e i suoi confini: definizioni, dialoghi, interazioni, Università degli Studi di Trento, Collana Quaderni del Dipartimento di Scienze Giuridiche, 2014, p. 17-54), nell’ambito della quale il sottoscritto ha messo in luce il ruolo svolto dall’OIL nel tracciare i confini della discriminazione genetica sui luoghi di lavoro.

 

2007-ad oggi: sotto la direzione del Prof. Ulrich Becker (Direttore del Max-Planck Institut für ausländisches und internationales Sozialrecht di Monaco di Baviera): General Principles of the Social Security in Europe.

Nell’ambito di tale progetto, che si concentra sui quattro principi fondamentali del diritto della sicurezza sociale (Security, Solidarity, Self-Responsibility, Protection) e sulla loro declinazione nei diversi Paesi membri dell’Unione Europea, al sottoscritto è stato affidato il compito di fungere da rapporteur per quanto attiene all’ordinamento italiano. Tale attività di ricerca ha già condotto ad una prima pubblicazione, “Country Report on Italy”, (in U. Becker, D. Pieters, F. Ross, P. Schoukens (a cura di), Security: A General Principle of Social Security Law in Europe, Europa Law Publishing, Groningen, The Netherlands, 2010, p. 297-346). Si tratta di un contributo relativo al primo dei quattro citati principi (Security), nel quadro del quale si è dato conto dell’attuale stato della legislazione, della giurisprudenza e delle prassi in materia di diritto della sicurezza sociale in Italia, facendo particolare attenzione a quali siano i limiti, soprattutto di natura costituzionale, alla discrezionalità del legislatore ordinario con riferimento alla possibilità, in capo a quest’ultimo, di modificare in peius i trattamenti previdenziali ed assistenziali vigenti.

 

2004-2006: sotto la direzione del Prof. Luca Nogler (Università di Trento): Attività di monitoraggio dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro e tutela del lavoro minorile (Progetto PRIN finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica).

Nel quadro di tale progetto, scaturito nella pubblicazione del volume “Child Labour in a Globalized World (a cura di G. Nesi, L. Nogler e M. Pertile: Ashgate, 2008)” il sottoscritto si è occupato dell’analisi della Convenzione dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro n. 138 del 1973, concernente l’età minima di accesso al lavoro. Nella relativa pubblicazione ci si è concentrati non soltanto sulla disamina tecnico-giuridica della suddetta Convenzione e dei suoi precedenti storici, ma anche sulla valutazione della sua reale efficacia e sulle sue possibilità di implementazione nei diversi ordinamenti nazionali, soprattutto alla luce dei cambiamenti avutisi nel contesto giuslavoristico internazionale a seguito della Dichiarazione di Ginevra del 1998.

 

2002-2004: sotto la direzione del Prof. Carlo Zoli (Università di Bologna): Contrattazione collettiva decentrata e mercati del lavoro (Progetto PRIN finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica).

Nell’ambito di tale progetto di ricerca il sottoscritto è stato chiamato ad approfondire alcuni aspetti del diritto sindacale tedesco. Nella pubblicazione dal titolo “I più recenti sviluppi della contrattazione collettiva in Germania: clausole di apertura, orario di lavoro e retribuzione”, che costituisce il frutto del coinvolgimento del sottoscritto nel citato progetto di ricerca, si è in particolare posta l’attenzione sull’utilizzo, sempre più marcato negli ultimi anni, dell’istituto delle c.d. clausole di apertura (tarifliche Öffnungsklauseln), che consentono agli accordi di codeterminazione aziendale di modificare in peius, in presenza di determinate condizioni, i trattamenti economici e normativi stabiliti nei contratti collettivi di lavoro negoziati a livello di distretto.

 

2002-2004: sotto la direzione del Prof. Luca Nogler (Università di Trento): SAVE, sostegno allo svantaggio del lavoro atipico, valorizzazione, emancipazione (Progetto Equal finanziato dall’Unione Europea).

Nel quadro di tale progetto, che ha riguardato in particolare i rapporti di lavoro autonomo, il sottoscritto ha avuto modo di occuparsi, anzitutto, di quelli di natura occasionale, elaborando, in proposito, la pubblicazione dal titolo “Le prestazioni occasionali all’indomani della l. n. 30 e del d. lgs. n. 276 del 2003”, nella quale la disciplina di tali rapporti di lavoro è stata analizzata alla luce delle novità introdotte dalla c.d. “Legge Biagi”. Inoltre, nell’ambito del medesimo progetto di ricerca il sottoscritto si è occupato del lavoro accessorio, introdotto anch’esso dalla c.d. “Legge Biagi”, in merito al quale ha condotto un’analisi comparata tra ordinamento italiano ed ordinamenti belga e tedesco (analisi scaturita nella pubblicazione dal titolo “Regolamentazione e problematiche applicative del lavoro accessorio in Italia alla luce di alcune esperienze straniere”).

Appartenenza a società e comitati scientifici

Nell’autunno 2002 viene ammesso a far parte, in qualità di socio, dell’Associazione Italiana di Diritto del Lavoro e della Sicurezza Sociale (AIDLASS).

 

Dal gennaio 2006 è entrato a far parte della Segreteria di Redazione della Rivista Giornale di Diritto del Lavoro e Relazioni Industriali (rivista di fascia A per il settore concorsuale 12/B2).

 

Dal settembre 2009 al settembre 2016 ha fatto parte della Segreteria di Redazione della Rivista Italiana di Diritto del Lavoro (rivista di fascia A per il settore concorsuale 12/B2).

 

Dall’autunno 2013 è componente della Redazione della collana “Diritto del Lavoro nei sistemi giuridici nazionali, integrati e transnazionali”, edita da FrancoAngeli.

 

Dal marzo 2015 è componente della Redazione di Lavoro e Diritto (rivista di fascia A per il settore concorsuale 12/B2).

 

Dal settembre 2016 è membro del comitato dei referees della Rivista Italiana di Diritto del Lavoro (rivista di fascia A per il settore concorsuale 12/B2).

Premi e riconoscimenti

Premi ed altri riconoscimenti accademici

Nel febbraio 1999, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico 1998/1999, gli viene conferito, su indicazione del Consiglio di Facoltà, il premio quale miglior studente della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento per l’anno 1997/1998.

 

Nella seduta del 3 giugno 2014 il Comitato per il Reclutamento e lo Sviluppo delle Carriere dell’Università degli Studi di Trento lo inserisce nella lista dei quindici ricercatori abilitati “particolarmente meritevoli” (su un totale di novantasette persone), che verranno chiamati come professori associati su risorse di Ateneo a tal fine appositamente stanziate.

 

Nel dicembre 2017, sulla base della valutazione dell’attività di ricerca scientifica svolta nell’ultimo quinquennio, viene selezionato dall’ANVUR (unico professore associato della Facoltà di Giurisprudenza e della Scuola di Studi Internazionali dell’Università di Trento) tra i destinatari del finanziamento delle attività base di ricerca per l’anno 2018.

Convegni e conferenze

Partecipazione a convegni e conferenze

A partire dal febbraio 1999 prende regolarmente parte a convegni e seminari scientifici in materia di diritto sindacale e del lavoro.

 

Dal 23 al 29 luglio 2000 partecipa, presso la Certosa di Pontignano (Siena) ad un seminario internazionale a numero chiuso organizzato dall’Associazione Italiana di Diritto del Lavoro e della Sicurezza sociale (AIDLASS) sulla figura del datore di lavoro nei diversi Paesi dell’Unione Europea (lingue di lavoro francese ed inglese).

 

Dal 4 all’8 giugno 2001 prende parte alla First Ferrara Week of Labour and Social Law, seminario a numero chiuso organizzato dall’Università degli Studi di Ferrara sul tema dei rapporti tra diritto del lavoro e diritto della concorrenza nell’ambito dell’Unione Europea (lingue di lavoro francese ed inglese), svolgendo altresì l’attività di rapporteur del proprio gruppo di lavoro.

 

Il 29 ottobre 2001 partecipa al convegno “La riforma della disciplina del lavoro del socio di cooperativa (l. 30 aprile 2001, n. 142)”, organizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Trento, dalla Federazione Trentina delle Cooperative e da ISSAN (Istituto Studi Sviluppo Aziende Nonprofit), intervenendo sul tema “I rapporti di collaborazione coordinata non occasionale”.

 

Il 9 dicembre 2003 interviene ad un seminario organizzato dall’Osservatorio Regionale Lavoro Nero del Veneto, relazionando sul tema “La regolamentazione e le problematiche applicative del lavoro accessorio in Italia alla luce di alcune esperienze straniere”.

 

Dall’8 al 10 settembre 2005 partecipa alla “First Conference of the Permanent Forum for Transnational and Comparative Legal Dialogue”, organizzato dalla Vermont Law School (Woodstock, Vermont, USA), nell’ambito della quale presenta un paper dal titolo “Accommodating differences: discrimination and equality at work in International Labour Law”.

 

Il 24 ottobre 2005 interviene al convegno dal titolo “Regole e incentivi per il sistema della ricerca pubblica: modelli di riferimento ed esperienza trentina”, organizzato dall’Istituto Trentino di Cultura - Area Istituzioni ed Economia in occasione della presentazione dei volumi di R. Caso (a cura di), “Ricerca scientifica pubblica, trasferimento tecnologico e proprietà intellettuale”, Il Mulino, Bologna, 2005 e di M. Borzaga (a cura di), “Il rapporto di lavoro dei ricercatori pubblici in Europa”, Il Mulino, Bologna, 2005.

 

Il 15 novembre 2006 prende parte al Meeting Nazionale “Responsabilità sociale in economia”, organizzato a Rovereto dall’Agenzia per lo Sviluppo della Provincia Autonoma di Trento, intervenendo, insieme alla Prof. Luisa Antoniolli, sul tema “La tracciabilità dei diritti dei lavoratori e dei consumatori nelle normative cogenti e volontarie nazionali ed internazionali”.

 

Dal 1° al 4 maggio 2008 partecipa, a Wittenberg (Germania), ad un seminario per giovani ricercatori in tema di “European Labour and Social Law”, organizzato dalla cattedra di Diritto del Lavoro della locale Università, presentando un paper dal titolo: “Economic dependent workers in Italy and Germany: a comparative analysis in an International and European perspective”.

 

Il 15 gennaio 2009 tiene, presso la Camera Civile dell’Ordine degli Avvocati di Trento, un intervento sul tema “Il lavoro parasubordinato ed il lavoro a progetto”.

 

Dall’8 al 10 maggio 2009 prende parte, a Utrecht (Olanda), alla seconda edizione del seminario per giovani ricercatori in tema di “European Labour and Social Law”, organizzato dalla cattedra di Diritto del Lavoro della locale Università, assumendo il ruolo di discussant di alcuni dei papers ivi presentati.

 

Il 25 e il 26 settembre 2009 partecipa, a Bologna, al convegno “Verso un nuovo lessico giuslavoristico”, organizzato dalla locale Università, intervenendo sul tema relativo alla definizione ed implementazione dei core labour standards nell’ambito del diritto internazionale del lavoro.

 

Dal 27 al 30 maggio 2010 organizza, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, la terza edizione del seminario per giovani ricercatori in tema di “European Labour and Social Law”.

 

Il 27 maggio 2011 prende parte, a Trento, al Forum Biodiritto 2011, organizzato presso la Facoltà di Giurisprudenza della locale Università, tenendo una relazione in tema di “Dati genetici del lavoratore e tutela antidiscriminatoria: le fonti internazionali”.

 

Il 3 settembre 2011 partecipa, ad Halle an der Saale (Germania), al convegno “Übergänge am Arbeitsleben und Re(Inklusion) in den Arbeitsmakrt”, organizzato dalla Cattedra di Diritto del Lavoro dell’Università Halle-Wittenberg, intervenendo sul tema: “Arbeitnehemrähnliche im Rechtsvergleich”.

 

Il 23 novembre 2012 partecipa, presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano, al seminario “Complexity, Simplification and Social Security”, organizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche della medesima Università, tenendo una relazione sul tema: “The complexity of the Italian social security system: features, reasons, trends”.

 

Il 26 novembre 2013 prende parte, presso l’Università di Innsbruck (Austria), al seminario “Die Folgen der Wirtschaftskrise 2009 für Italien und Österreich” organizzato dall’ Italien-Zentrum della medesima università, tenendo una relazione sul tema “Die arbeits- und sozialrechtlichen Folgen der Wirtschaftskrise 2009 für Italien”.

 

Il 30 e il 31 gennaio 2014 partecipa, presso il Max Planck Institut für Sozialrecht und Sozialpolitik di Monaco di Baviera (Germania) al convegno “Diversität und Inklusion – Umgang mit Vielfalt und Verschiedenheit bei Beeinträchtigung und Behinderung”, tenendo una relazione sul tema “Inklusion zwischen gesetzlicher Vorschrift und gezielter Förderung: Modelle der Arbeitsinklusion von Menschen mit Behinderungen im italienischen Kontext”.

 

Il 7 e l’8 febbraio 2014 partecipa, presso l’Università degli Studi di Firenze, al seminario “Discutendo di lavoro a progetto”, nell’ambito del quale viene presentata e discussa la sua monografia dal titolo “Lavorare per progetti. Uno studio su contratti di lavoro e nuove forme organizzative d’impresa, Cedam, Padova, 2012”.

 

Il 9 e il 10 maggio 2014 prende parte, a Gent (Belgio), alla settima edizione del seminario per giovani ricercatori in tema di “European Labour and Social Law”, organizzato dalla cattedra di Diritto del Lavoro della locale Università, assumendo il ruolo di discussant di alcuni dei papers ivi presentati.

 

Il 3 luglio 2014 tiene, presso l’Institut für Wirtschaftsrecht della juristische und wirtschaftswissenschaftliche Fakultät della Martin-Luther-Universität Halle-Wittenberg, un seminario dal titolo “Italian Labour Law in times of economic and financial crisis: changes and challenges” (nell’ambito del ciclo di seminari “Law after Lunch”).

 

Il 18 ottobre 2014 partecipa al convegno internazionale “Cambiare Paese per cercare/creare lavoro”, organizzato a Trento da EZA, UNAIE e Associazione Trentini nel Mondo, tenendo una relazione dal titolo: “La tutela dei lavoratori migranti nelle convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro”.

 

Il 4 dicembre 2014 prende parte, presso l’Università di Innsbruck, al convegno internazionale “Rechtliche Möglichkeiten universitärer Zusammenarbeit in der Euregio – Possibilità giuridiche di collaborazione tra Università dell’Euregio”, tenendo una relazione sul tema “Der grenzüberschreitende Austausch von Forschenden und Lehrenden aus Sicht des italienischen Arbeitsrechts – Lo scambio transfrontaliero di ricercatori e docenti secondo il diritto del lavoro italiano”.

 

Il 21 aprile 2015 interviene, in occasione dell’inaugurazione del XII anno del Dottorato di Ricerca in Studi Giuridici Comparati ed Europei della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, al seminario “Diritti di sciopero e standard internazionali. Mercato economico e disuguaglianza sociale dopo Marikana”, dialogando con la Prof.ssa Silvana Sciarra, giudice della Corte Costituzionale, sul tema del riconoscimento del diritto di sciopero nell’ambito delle Convenzioni dell’OIL in materia di libertà sindacale.

 

Il 19 maggio 2015 tiene, presso la Biblioteca Comunale di Trento, congiuntamente con il Prof. Riccardo Salomone, una conferenza sul tema “Il diritto del lavoro ai tempi del Jobs Act”, organizzata nell’ambito del ciclo di incontri dal titolo “Orizzonti Internazionali. Dialoghi su Attualità e Globalizzazione” promosso dalla medesima Biblioteca e dalla Scuola di Studi Internazionali dell’Università di Trento.

 

Dal 25 al 28 giugno 2015 prende parte al secondo congresso LLRN (Labour Law Research Network), organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Amsterdam, tenendo una relazione sul tema: “Challenging the right to strike or attacking the ILO’s monitoring system? The possible consequences of recent Employers’ claims on the enforcement perspectives of International Labour Standards”.

 

Il 19 novembre 2015 prende parte, presso l’Università di Innsbruck, al convegno internazionale “Aktuelle Entwicklungen im Betriebsübergangsrecht” (organizzato dall’Institut für Arbeitsrecht, Sozialrecht und Rechtsinformatik), tenendo una relazione dal titolo “Aktuelle Entwicklungen im Betriebsübergangsrecht - Landesbericht Italien”.

 

Il 28 aprile 2016 (in occasione della consegna dei premi per le migliori tesi di laurea sul mondo del lavoro da parte delle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL) partecipa, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, alla tavola rotonda sul tema “Stabilità e tutele crescenti nel d. lgs. n. 23 del 2015”, discutendo con economisti e giuristi su come si stia evolvendo il dualismo del mercato del lavoro dopo l’adozione del Jobs Act.

 

Il 10 novembre 2016 partecipa, presso la Libera Università di Bolzano, all’ottava edizione dell’International Labour Law Dialogue, dedicata al tema della formazione continua, tenendo una relazione dal titolo “Die berufliche Weiterbildung im italienischen Kontext”.

 

Ha altresì tenuto le seguenti lezioni presso scuole di specializzazione, corsi di perfezionamento, dottorati di ricerca e master:

20 e 27 marzo 2006: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “la giusta causa di licenziamento”;

30 ottobre e 6 novembre 2006: lezione presso la Scuola per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “lo jus variandi del datore di lavoro”;

24 novembre 2006: lezione presso il Master in Diritto dello Sport, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, sul tema “la libera circolazione degli sportivi”;

23 febbraio 2007: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “la distinzione tra lavoro autonomo e subordinato”;

16 e 23 marzo 2007: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “la giusta causa di licenziamento”.;

19 ottobre 2007: lezione presso la Scuola per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “lo jus variandi del datore di lavoro”.;

12 dicembre 2007: lezione presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema “Globalisation Processes and International Labour Law” (in lingua inglese);

3 e 10 marzo 2008: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “la giusta causa di licenziamento”;

17 novembre 2008: lezione presso la Scuola per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “lo jus variandi del datore di lavoro”;

maggio 2009: ciclo di lezioni (per un totale di 10 ore) presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema “International Labour Law” (in lingua inglese);

5 e 12 ottobre 2009: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “la distinzione tra lavoro autonomo e subordinato”;

9 marzo 2010: lezione (in lingua inglese) alla delegazione di studenti e docenti provenienti dalla Vermont Law School (Vermont, USA) sul tema “The free movement of (economically active) persons within the European Union”;

12 marzo 2010: lezione al Corso di Perfezionamento in Diritto del Lavoro dell’Università degli Studi di Padova sul tema “Dalle collaborazioni continuative e coordinate al lavoro a progetto”.

26 marzo e 9 aprile 2010: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “lo jus variandi del datore di lavoro”;

aprile e maggio 2010: ciclo di lezioni (per un totale di 10 ore) presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema “International Labour Law” (in lingua inglese);

13 maggio 2010: lezione (in lingua inglese) presso la laurea magistrale di Economics and Management (corso di European Labour Law) della Facoltà di Economia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia dal titolo “The fight agains child labour at ILO and EU level” (ospite del Prof. Adalberto Perulli, titolare del corso);

17 e 24 febbraio 2012: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “il lavoro a progetto”;

maggio 2012: ciclo di lezioni (per un totale di 6 ore) presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema: “ILO core labour standards and decent work agenda” (in lingua inglese);

13 marzo 2012: lezione (in lingua inglese) alla delegazione di studenti e docenti provenienti dalla Vermont Law School (Vermont, USA) sul tema “The free movement of persons within the territory of the European Union and the European citizenship”;

5 e 19 ottobre 2012: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “disciplina delle mansioni e dello jus variandi del datore di lavoro”;

11 e 18 febbraio 2013: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “il lavoro autonomo, il lavoro subordinato ed il lavoro a progetto”;

11 marzo 2013: lezione (in lingua inglese) alla delegazione di studenti e docenti provenienti dalla Vermont Law School (Vermont, USA) sul tema “Equal treatment of men and women under EU law”;

maggio e giugno 2013: ciclo di lezioni (per un totale di 12 ore) presso l’Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento, sul tema “La mobilità del lavoro: prospettive europee e internazionali”;

10 e 11 giugno 2013: ciclo di lezioni (per un totale di 6 ore) presso la cattedra di Diritto del Lavoro e della Sicurezza Sociale della Karl-Franzens Universität di Graz (Austria), nell’ambito del corso ufficiale di Ausländische Arbeitsrechtssysteme, sul tema: “Grundlagen des italienischen Arbeitsrechts” (in lingua tedesca);

5 febbraio 2014: lezione (in lingua inglese) presso il Master “GESAM” organizzato dall’Università Ca’ Foscari di Venezia sul tema “The fight against child labour in International and European Labour Law”;

13 marzo 2014: lezione (in lingua inglese) alla delegazione di studenti e docenti provenienti dalla Vermont Law School (Vermont, USA) sul tema “Equal treatment of men and women under EU law”;

27 settembre 2014: lezione al Master di Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale organizzato dal Dipartimento di IUSLIT dell’Università di Trieste, sul tema “Riflessioni (sparse) sul diritto del lavoro tedesco: è tutto oro quel che luccica?”;

12 marzo 2015: lezione (in lingua inglese) alla delegazione di studenti e docenti provenienti dalla Vermont Law School (Vermont, USA) sul tema “Equal treatment of men and women under EU law”;

2 settembre 2015: lezione (in lingua inglese) alla Summer School “Language, Culture and Society. The Challenges of Transformation in Europe”, organizzata dall’Università degli Studi di Trento e dalla Technische Universität Dresden, sul tema “Labour rights of migrant workers in international law”;

12 settembre 2015: lezione al Master di Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale organizzato dal Dipartimento IUSLIT dell’Università di Trieste, sul tema “Il diritto del lavoro tedesco alla prova della crisi economico-finanziaria: molte luci e qualche ombra”;

28 gennaio 2016: seminario presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema: “EU-antidiscrimination law (with particular regard to sex discrimination)” (in lingua inglese);

29 febbraio e 7 marzo 2016: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “Autonomia, subordinazione e collaborazioni organizzate dal committente”;

1 settembre 2016: seminario presso la CISL-SGB di Bolzano sul tema: “Mobbing e processo del lavoro: il punto di vista giuridico/Mobbing und Arbeitsprozess: juristische Überlegungen” (in lingua italiana e tedesca);

17 settembre 2016: lezione al Master di Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale organizzato dal Dipartimento IUSLIT dell’Università di Trieste, sul tema “Le più recenti tendenze del diritto del lavoro tedesco”;

26 gennaio 2017: seminario presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema: The fight against discrimination in EU employment law (in lingua inglese);

27 febbraio 2017 e 13 marzo 2017: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “Le collaborazioni organizzate dal committente”;

14 marzo 2017: lezione (in lingua inglese) alla delegazione di studenti e docenti provenienti dalla Vermont Law School (Vermont, USA) sul tema “The transformation of the welfare state. In particular: labour law, social law and industrial relations”.

22 settembre 2017: lezione al Master di Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale organizzato dal Dipartimento IUSLIT dell’Università di Trieste, sul tema “Il diritto del lavoro tedesco: stato dell’arte e prospettive di sviluppo alla luce delle imminenti elezioni federali”;

16 marzo 2018: lezione presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Trento e Verona sul tema “Subordinazione, autonomia e collaborazioni organizzate dal committente”;

24 maggio 2018: seminario presso il Dottorato in Studi Internazionali dell’Università di Trento sul tema: Global migration and security (legal issues) (in lingua inglese).

Altre attività

Nel giugno del 1998 inizia la pratica forense presso lo studio della Prof.ssa Avv. Daria de Pretis in Trento.

A partire dal febbraio del 1999 si trasferisce a Roma per compiere il servizio civile e prosegue la pratica forense presso lo studio dell’Avv. Salvatore Pettinato.

Il 12 novembre 2002 supera, presso la Corte d’Appello di Roma, l’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.

Dal 3 luglio 2006 è iscritto all’Ordine degli Avvocati di Trento, elenco speciale per i professori ed i ricercatori universitari a tempo pieno.

 

Dal febbraio 1999 presta servizio civile nella sede nazionale di Federsolidarietà, federazione delle cooperative sociali aderente a Confcooperative, presso la cui Presidenza svolge varie funzioni di supporto. Si occupa, in particolare, di consulenza legale ed organizzativa e di alcune ricerche sul tema del “socio lavoratore di cooperativa”.

 

A partire dall’anno 2000 svolge regolarmente attività di formazione su temi di diritto sindacale e del lavoro, anche nell’ambito di corsi finanziati dall’Unione Europea.

 

Nel periodo marzo-luglio 2002 e marzo-luglio 2005 è stato tutor per l’area di diritto civile e del lavoro nell’ambito del Corso di Studi Avanzati in Diritto Europeo e Transnazionale, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Trento.

 

Dal 2003 al 2006 è stato tutor, per l’area di diritto del lavoro, nel quadro della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali delle Facoltà di Giurisprudenza delle Università di Trento e di Verona.

 

E’ stato componente della commissione d’esame per l’iscrizione nell’albo degli Avvocati presso la sezione distaccata della Corte di Appello di Trento in Bolzano (sessione 2014).

 

Nella primavera 2016 è stato presidente della commissione di concorso per la selezione ed assunzione di n. 2 unità di personale tecnico-amministrativo a tempo pieno e indeterminato presso la Direzione Didattica e Servizi agli Studenti dell’Università degli Studi di Trento.

Note

Conoscenze linguistiche

 

Italiano: madrelingua;

 

Tedesco: ottimo:

ha superato, in data 16 giugno 1997, l’esame per l’accertamento della conoscenza delle lingue italiana e tedesca riferito al diploma di laurea (c.d. “patentino A”) presso il Commissariato del Governo per la Provincia Autonoma di Bolzano (corrispondente al livello C1 del quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue);

ha tradotto, nel corso degli anni, numerosi saggi di giuslavoristi tedeschi al fine di consentirne la pubblicazione su riviste specializzate italiane, in particolare il Giornale di Diritto del Lavoro e delle Relazioni Industriali;

 

Inglese: ottimo;

 

Francese: buono.