Massimo Turatto

Corso Bettini, 31 - 38068 Rovereto
tel. 0464 808673
massimo.turatto[at]unitn [dot] it
Area CUN: Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche (11)
Settore scientifico disciplinare: PSICOLOGIA GENERALE (M-PSI/01)

Come il cervello filtra i distrattori: meccanismi cognitivi e neurali
Studenti Laurea Magistrale e/o Master 
lunedì 06 dicembre 2021

Un'interazione efficace con l'ambiente richiede di esser in grado di mantenere l'attenzione focalizzata sugli stimoli rilevanti. Questo condizione è tuttavia continuamente minacciata da stimoli salienti ma irrilevanti che catturano involontariamente la nostra attenzione, introducendo pericolose interferenze.

L'obiettivo del progetto è studiare quali meccanismi cognitivi e neurali il cervello è in grado di dispiegare per ridurre o eliminare l'interferenza dei distrattori.

Gli esperimenti verranno condotti registrando risposte comportamentali volontarie, l'attività ocuolomotoria, ed inoltre, nel tentativo di individuare le basi neurali dei meccanismi di filtro dei distrattori, verranno registrate le risposte elettrocorticali (EEG).

 

Recenti pubblicazioni sull'argomento

Turatto, M. & Valsecchi, M. (2021). Impaired selection of a previously ignored singleton: evidence for saliency map plastic changes. Quarterly Journal of Experimental Psychology. doi: 10.1177/17470218211047859

Valsecchi, M. & Turatto, M. (2021). Distractor filtering is affected by local and global distractor probability, emerges very rapidly but is resistant to extinction. Attention, Perception, & Psychophysics, 83(6), 2458–2472. doi: 10.3758/s13414-021-02303-3.

Bonetti, F., Valsecchi, M., & Turatto, M. (2020). Microsaccades inhibition triggered by a repetitive visual distractor is not subject to habituation: Implications for the programming of reflexive saccades. Cortex, 131, 251-264.

Turatto, M., Bonetti, F., Pascucci, D., & Chelazzi, L. (2018). Desensitizing the attention system to distraction while idling: A new latent learning phenomenon in the visual attention domain. Journal of Experimental Psychology: General, 147, 1827-1850. doi: 10.1037/xge0000503

Turatto, M., Bonetti, F., & Pascucci, D. (2018). Filtering visual onsets via habituation: A context-specific long-term memory of irrelevant stimuli. Psychonomic Bulletin & Review, 25, 1028-1034, doi: 10.3758/s13423-017-1320-x

Turatto, M., & Pascucci, D. (2016). Short-term and long-term plasticity in the visual-attention system: Evidence from habituation of attentional capture. Neurobiology of Learning and Memory, 130, 159-169, doi: 10.1016/j.nlm.2016.02.010.

 

Salienza motivazionale e condizionamento
Studenti Laurea Magistrale e/o Master 
lunedì 06 dicembre 2021

L'obiettivo del progetto è studiare come attraverso meccanismi di condizionamento alcuni stimoli inizialmente neutri possano acquisire una salienza motivazionale. Una volta modificato lo status motivazionale di tali stimoli, quest'ultimi sono in grado sia di attrarre in modo obbligatorio la nostra attenzione, sia di innescare in modo inconsapevole il desiderio della ricompensa. Lo studio di questi meccanismi di apprendimento ha importanti implicazioni per la comprensione dei comportamenti compulsivi riscontrabili nelle varie forme di dipendenza.

Recenti pubblicazioni sull'argomento

 

De Tommaso, M., & Turatto, M. (2021). Testing reward-cue attentional salience: attainment and dynamic changes. British Journal of Psychology. doi: 10.1111/bjop.12537

De Tommaso, M., Tommaso Mastropasqua, T., & Turatto, M. (2018). Multiple reward-cue contingencies favor expectancy over uncertainty in shaping the reward cue attentional salience. Psychological Research. doi: 10.1007/s00426-017-0960-9

De Tommaso, M., Tommaso Mastropasqua, T., & Turatto, M. (2017). The salience of a reward cue can outlast reward devaluation. Behavioral Neurosciences, 131, 226-234, doi: 10.1037/bne0000193